La storia di KUKA

La storia di KUKA inizia nel 1898, ad Augusta, con Johann Joseph Keller e Jakob Knappich. Da allora, l’azienda è sinonimo di idee e innovazioni made in Germany. Oggi, KUKA è uno dei produttori leader di soluzioni intelligenti nel campo dell’automazione.

1898 – 1920

1898: KUKA accende le luci

Johann Josef Keller e Jakob Knappich fondano ad Augusta un impianto d'illuminazione ad acetilene, creando le condizioni per illuminazione domestica e stradale a prezzi convenienti.

 

1905: I prezzi scendono, l'offerta sale

La diffusione di luce elettrica accelera, in pochi anni dalla fondazione dell'azienda, i prezzi per il gas acetilenico scendono.

Per questo motivo la Keller und Knappich GmbH amplia la produzione introducendo una nuova invenzione: la saldatura autogena. A partire da quella data, KUKA definisce costantemente nuovi standard nelle tecniche di saldatura.

Jakob Knappich (a sinistra) e Johann Josef Keller sono i fondatori di KUKA.

Già all’inizio del ventesimo secolo, Keller e Knappich utilizzano sempre più spesso un acronimo: dalle iniziali di "Keller und Knappich Augsburg" nasce il marchio KUKA.

Lo sviluppo del logo KUKA dal 1898 a oggi.

1920 – 1970

1920: Ampliamento del portfolio e del mercato

Ben presto KUKA inizia a utilizzare anche in altri ambiti il know-how della lavorazione industriale e artigianale di taglio lamiera e saldatura.

Inoltre, l’azienda comincia a produrre contenitori di grandi dimensioni e strutture per autoveicoli

Solo pochi decenni dopo, KUKA ha consolidato la propria posizione di leader di mercato nell’ambito dei veicoli comunali in Europa.

Un veicolo comunale KUKA del 1920.

1939: Una soluzione innovativa messa a punto

KUKA amplia il portfolio e costruisce il primo impianto elettrico per saldatura a punti in Germania nel 1939

1949: KUKA affronta nuovi settori di produzione

L’offerta va oltre impianti di saldatura e contenitori di grandi dimensioni.

Alta solo 64 mm, pesa solo 5 kg: la compatta macchina da scrivere da viaggio "Princess", una meraviglia della meccanica di precisione, vede la luce.

Anche la macchina circolare per maglieria Selecta arriva sul mercato e consente una produzione più rapida e flessibile nell'industria tessile.

Ampliamento portfolio: la macchina circolare per maglieria "Selecta".

1956: Un successo attraverso l'automazione 

KUKA lancia sul mercato il primo impianto automatico di saldatura per frigoriferi e lavatrici.

Inoltre, KUKA consegna la prima linea di saldatura multipunto a Volkswagen AG. 

 

1966: Innovative tecniche di saldatura

KUKA introduce una nuova tecnologia di saldatura: la saldatura per attrito. Negli anni successivi seguono numerose altre innovazioni, come la saldatura a ciclo breve e la saldatura per attrito posizionata.

Una linea di saldatura multipunto del 1956.

1970 – 2000

1971: KUKA prende posizione di forza con i robot

La prima linea di saldatura robotizzata in Europa viene costruita per Daimler-Benz.

 

1972: Più sicura, più veloce e più resistente

KUKA presenta la prima saldatrice ad arco magnetico. Il progetto viene ottimizzato in continuo, ed è ancora oggi uno dei metodi più rapidi e sicuri dell’assemblaggio di componenti che devono sopportare carichi elevatissimi per lungo tempo.

Una saldatrice ad arco magnetico in uso.

1973: Famulus, il pioniere della robotica

KUKA entra nella storia del mondo come pioniere della robotica con il primo robot industriale a sei assi ed a motore elettrico.

 

1989: La qualità che si ripaga

KUKA è il numero 1 tra i costruttori di impianti di saldatura in Europa.
Prospera anche la sede istituita in America del Nord all'inizio degli anni '80.

Precursore dei tempi: il robot industriale FAMULUS del 1973.

1996: Controllo robot attraverso PC

KUKA è il primo produttore di robot ad osare il passaggio verso il controller robotico basato su PC.

1998: Nel Regno di Mezzo

I robot vengono forniti allo stabilimento Audi di Changchung. KUKA è tra le prime aziende operative a livello mondiale ad esportare robot in Cina.

Negli anni seguenti, KUKA apre diverse filiali e stabilimenti di produzione in Cina.

2000 – oggi

2001: Robot per la medicina

I robot KUKA vengono utilizzati nel primo sistema di radiochirurgia al mondo controllato da robot - il "Cyberknife". Il sistema consente di trattare tumori inoperabili e chirurgicamente complessi.

 

2006: KUKA come soluzione completa

Per la completa produzione della carrozzeria della Jeep Wrangler, KUKA apre in Nord America per conto del gruppo Chrysler, la KUKA Toledo Production Operations.

Con il sistema di radiochirurgia "Cyberknife", è possibile trattare i tumori in modo efficace.

2007: Robot a sei assi da record mondiale

La soglia magica dei 1.000 kg di carico utile è stata superata. Il più potente robot industriale a sei assi del mondo, il KUKA KR 1000 TITAN , entra nel Guinness dei primati.

 

2010: Un best seller flessibile

KUKA KR QUANTEC, con la sua ampia gamma di di carico utile, diventa la serie robotica più venduta al mondo.

Il più potente robot industriale a sei assi del mondo: KUKA KR 1000 TITAN.

2013: Mano nella mano con il collega robot

LBR iiwa è il primo robot sensibile al mondo prodotto in serie, e pertanto compatibile con la collaborazione uomo-robot diretta (HRC).

Con LBR iisy, la storia di successo dei Cobots prosegue. Può essere utilizzato sia nella produzione industriale in serie, sia nell'ambito di postazioni di lavoro dinamiche e non strutturate.

KUKA LBR iiwa consente la collaborazione uomo-robot.

2018: KUKA120 – Thinking Orange

KUKA festeggia il suo anniversario nel 2018. Creata 120 anni fa da Johann Josef Keller e Jakob Knappich, oggi KUKA è uno dei fornitori leader mondiali di soluzioni intelligenti per l’automazione per Industrie 4.0.

Video sulla storia di KUKA in occasione del 120° anniversario.
Impostazioni cookie OK

Utilizziamo i cookies per offrivi l’assistenza migliore anche online. Per saperne di più.

Impostazioni cookie