Due robot KUKA supportano la pallettizzazione dello zuccherificio serbo Sunoko

Oggi, a Kovacica due robot KUKA KR120 R3200 PA forniscono la pallettizzazione affidabile di 100 confezioni di zucchero o quasi dieci tonnellate di zucchero all’ora.

Una soluzione dolce?

La società serba Sunoko vanta un’illustre tradizione di oltre 100 anni nella produzione dello zucchero. Oggi l’impresa detiene oltre il 50% della quota di mercato ed è il maggiore produttore ed esportatore di zucchero dello Stato balcano. Per garantire uno sviluppo economico sostenibile, l’azienda ottimizza costantemente i suoi processi. Dal 2003, Sunoko ha investito oltre 100 milioni di euro nell’ampliamento e nell’ammodernamento delle sue strutture di produzione a Vrbas, Pećincim e Kovacica.

La strategia di ammodernamento prevede un’espansione delle capacità di produzione, un aumento dell’efficienza energetica, investimenti nella protezione ambientale e una riduzione dei costi di produzione. In questo senso, l’automazione era imprescindibile: oggi, a Kovacica due robot KUKA KR 120 R3200 PA forniscono la pallettizzazione affidabile di 100 confezioni di zucchero o quasi dieci tonnellate di zucchero all’ora. Questo ha consentito un notevole miglioramento del tempo ciclo, dell’affidabilità delle operazioni di confezionamento e pallettizzazione nonché della qualità.

Il KR 120 R3200 PA pallettizza quasi 10 tonnellate di zucchero l’ora.

Consentire ancora la crescita

Sunoko commercializzalo zucchero sul mercato in confezioni di diverse misure, che spaziano da pacchi da 750 g, 1 kg, 5 kg e 10 kg per l’uso familiare a confezioni da 25 e 50 kg, per arrivare poi ai sacchi enormi da 1.000 kg o 1.200 kg di zucchero. L'azienda ha registrato una forte crescita negli ultimi anni. È stato piuttosto difficile per le strutture di produzione - in particolare i processi di riempimento, confezionamento o pallettizzazione - mantenere il passo con questo sviluppo.

Per non pregiudicare la crescita, Sunoko ha incaricato l’integratore multi-tec di automatizzare la pallettizzazione degli imballaggi con 10 confezioni da 1 kg dello stabilimento di Kovacica. L’obiettivo: accelerare notevolmente il trasporto dei pacchetti di zucchero, per poter aumentare i quantitativi di produzione anche in futuro. Gli imballaggi, in cui sono avvolti con un film protettivo termoretraibile dieci pacchi da 1 kg alla volta, vengono consegnati su un sistema di nastri a rulli, impilati su Europallet e poi incellofanati per il trasporto.

Optando per l’automazione, Sunoko si era ripromessa non solo di aumentare in misura significativa la produttività, ma anche di ridurre i danni alle confezioni. Al contempo, per i responsabili decisionali era fondamentale garantire la massima sicurezza sul posto di lavoro. Multi-tec, con sede nella città serba di Temerin, è specializzata nello sviluppo e nell’attuazione di sistemi di trasporto, confezionamento e pallettizzazione per vari rami dell’industria. L’integratore vanta in particolare un vasto know-how nei progetti di pallettizzazione. La ricchezza di esperienza spazia dalla classica pallettizzazione all’automazione basata su robot. 

Necessaria flessibilità in pochissimo spazio

A causa di condizioni strutturali in loco, la realizzazione della soluzione d’automazione poneva a multi-tec una serie di sfide. Gli impianti di riempimento degli imballaggi da 10 confezioni da 1 kg si trovano adiacenti agli altri impianti di riempimento, il che limita notevolmente il raggio d’azione a disposizione. Inoltre le aree di lavoro erano ulteriormente ridotte a causa dei passaggi per i carrelli elevatori a forche. Multi-tec ha quindi deciso di usare robot moderni, la cui flessibilità consente l’integrazione di linee di trasporto già presenti.

KUKA è stata la prima scelta cui rivolgersi per affrontare queste sfide, dal momento che le due società avevano già collaborato in alcuni progetti. I robot dovevano essere posizionati in modo che potessero accedere facilmente al deposito pallet, all’alimentatore della pellicola protettiva e alle macchine di avvolgimento. In considerazione di questi requisiti particolari, è stato scelto il robot KUKA KR 120 R3200 PA

Capacità per ulteriori aumenti di produzione

Dalla messa in funzione dell’automazione robotizzata, un nastro trasportatore trasferisce gli imballaggi da 10 pacchi da 1 kg nella zona di lavoro dei robot. Questi prelevano i pacchi e li impilano in modo preciso su un Europallet. Come strato intermedio i robot applicano una pellicola protettiva tra le singole file. Per questo si impiegano ricevitori pneumatici sviluppati da multi-tec. Complessivamente su ciascun pallet vengono caricati 100 pacchetti di zucchero da 10 kg ciascuno.

La prestazione di un robot su una linea ammonta a 480 pacchetti all'ora. In totale i due KUKA KR 120 R3200 PA confezionano quasi dieci tonnellate di zucchero all'ora, una quantità che in questo tempo non sarebbe realizzabile con la sola forza fisica. Non appena i pallet sono stati caricati, i robot li avvolgono con una pellicola protettiva. A questo punto il pallet è pronto per il trasporto. 

KUKA KR 120 R3200 PA: il professionista della pallettizzazione 

Il KUKA KR 120 R3200 PA è un robot di pallettizzazione della serie KR QUANTEC. La serie speciale è stata sviluppata apposta per la pallettizzazione, con la sua struttura snella e robusta. È disponibili in tre versioni: con 120, 180 e 240 kg di portata. Ogni variante dispone di un raggio di azione pari a 3.200 mm, con altezza di carico di 2.500 mm. Gli altri grandi punti di forza della serie sono il minimo ingombro necessario, tempi ciclo veloci e un elevato grado di riproducibilità.

L’installazione del robot a Kovacica ha richiesto un minimo sforzo. Insieme con il concetto sviluppato da multi-tec, la flessibilità e il raggio d’azione del KUKA KR 120 R3200 PA ha consentito di integrare rapidamente lo stoccaggio dei pallet, l’alimentatore della pellicola protettiva e le unità di avvolgimento nelle aree di lavoro dei robot.

Aspettative soddisfatte

I robot da Sunoko hanno pienamente soddisfatto le aspettative riposte in essi. L'elevato carico fisico per il collaboratore, dovuto a continui piegamenti e al trasporto di carichi pesanti a temperature alternate alte e basse, è stato ampiamente ridotto. I collaboratori sono ora responsabili per il controllo e il monitoraggio del processo. Inoltre il processo di pallettizzazione è diventato notevolmente più efficiente, visto che la velocità e anche la qualità degli imballaggi sono aumentati in modo considerevole con il sistema di automazione. Con l’introduzione dell’automazione Sunoko è adeguatamente preparata per un’ulteriore crescita.

Utilizziamo i cookies per offrivi l’assistenza migliore anche online. Per saperne di più.

Ok