Retrofit macchine: un trattamento di modernizzazione da specialisti della stampa

Da circa 40 anni le macchine obsolete vengono ricondizionate da KUKA Industries a Obernburg: presse sbavatrici e per la prova stampi e robot: tutte ricevono la possibilità di una seconda vita. Lo stesso avviene per la pressa sbavatrice veloce SEP 16-100 della marca REIS, che esegue il proprio lavoro da 16 anni presso il fornitore di componenti automobilistici.

Invece di sostituirla con una nuova pressa il cliente sceglie di adattare la propria macchina ai più moderni standard di produzione e di sicurezza,attraverso una revisione generale presso l'officina meccanica di KUKA per prepararla a restare per molti anni, efficacemente, accanto al suo proprietario. 

La situazione di partenza: una pressa sbavatrice invecchiata, consumata

Quando avviene la revisione generale presso l'officina di KUKA Industries a Obernburg, le presse hanno già alle spalle migliaia di ore di esercizio e lo si vede in modo chiaro. Perdite, danni meccanici, cilindri e guarnizioni consumate,gioco o ruggine sono i segni più comuni di usura. Tuttavia, non ci sono problemi per gli esperti KUKA: "Non c'è nulla che non riusciamo a fare qui", afferma Eberhard Amrhein, direttore del Customer Service per l'area EMEA presso KUKA Industries. "Negli ultimi 35 anni abbiamo ricevuto macchine in condizioni diverse e fino ad ora siamo riusciti sempre a restituire ogni macchina nel migliore stato, secondo i desideri del proprietario." 
La pressa sbavatrice Reis, avanzata negli anni, deve essere riportata al più moderno stato della tecnica.
Una di queste è la pressa sbavatrice Reis di un fornitore di componenti automobilistici tedesco. L'azienda ha acquistato la pressa sbavatrice della tipologia SEP 16-100, con una forza di pressatura di 100 tonnellate, alla fine degli anni novanta, per realizzare pezzi in pressofusione destinati all'industria automobilistica. Dopo 16 anni di esercizio su tre turni, funziona ancora in modo permanente, ma è avanzata negli anni. Il comando non risponde più allo stato della tecnica attuale e anche gli attrezzi più grandi non potevano più essere montati facilmente. Cosa fare: ripartire con una nuova macchina o costruire sulla base comprovata da anni? Nonostante sarebbe preferibile mantenere il valore della macchina attuale, il cliente riflette sull'acquisto di una nuova, la quale soddisferebbe già determinate specifiche, quali una determinata altezza di montaggio e una tecnologia all'avanguardia. A questo si contrappone il prezzo da nuovo. 

La sfida: Aggiornare secondo gli standard di settore

Per la decisione definitiva, il cliente ha consultato di nuovo gli esperti di KUKA Industries, che l'avevano già consigliato all'acquisto. In seguito a una valutazione accurata, comprendente una considerazione di tipo meccanico, elettrico, idraulico e di tecnica di controllo, è apparso chiaro: in questo caso varrebbe la pena investire in una revisione generale. Non è sempre il caso. "Ci sono situazioni in cui una revisione, a seconda dell'entità e del grado di aggiornamento, raggiunge il prezzo di una macchina nuova", spiega Eberhard Amrhein. "Alcuni pezzi restano tuttavia vecchi e rimettere a posto la macchina costa ugualmente l'80 o il 90 percento del prezzo da nuovo. A seconda dell'entità, una macchina nuova viene costruita anche in tempi relativamente brevi. Questo è da valutare caso per caso."

La soluzione: Modernizzazione secondo i nuovi standard

Sulla base dei desideri del cliente gli aggiornamenti – altri supporti, un impianto di griglia di protezione, una maggiore altezza di installazione per attrezzi più grandi – vengono effettuati da KUKA Industries in modo efficiente in termini di costo. In particolare KUKA è stato in grado di integrare il nuovo comando: per il cliente era particolarmente importante che il comando per la pressa sbavatrice rispettasse gli standard più moderni – come è il caso del Dialog IV di KUKA. Il comando basato sul PC è stato sviluppato da KUKA in modo specifico per e con clienti come il fornitore di componenti automobilistici. Attraverso il monitor e il touchscreen è possibile creare, modificare, salvare e riprodurre facilmente e in modo intuitivo i programmi specifici per utensili. Inoltre tasti hardware resistenti, consentono di utilizzare facilmente la pressa anche in attività difficili di fonderia, in cui le impurità renderebbero complicato lavorare con il display touchscreen.
Nuovo e modificato: la pressa sbavatrice è stata ottimizzata dagli esperti KUKA secondo i desideri del cliente.

Disponibilità di pezzi di ricambio come per un nuovo acquisto

Nel corso di una revisione generale il più delle volte una rinuncia alla macchina è inevitabile.  "Con un impianto robotico è possibile, all'occorrenza, sostituirle in modo identico e trasferire la programmazione. Con una pressa questo non è sempre realizzabile", dichiara Eberhard Amrhein. Per mantenere il tempo di attività al minimo possibile, il cliente doveva dunque pianificare il ciclo nel modo più preciso possibile e adattare di conseguenza la produzione. Dal momento dello smontaggio fino alla rimessa in esercizio e il collaudo in fabbrica, passano diverse settimane. Nel frattempo la macchina viene scomposta una volta in componenti e pulita. Tutti i componenti difettosi e consumati vengono, infine, sostituiti con pezzi nuovi. In questo modo la macchina obsoleta dispone della stessa garanzia per i pezzi di ricambio come per una macchina nuova"Ora il cliente può restare tranquillo per ancora 16 anni", ha affermato Eberhard Amrhein, sorridendo.

Utilizziamo i cookies per offrivi l’assistenza migliore anche online. Per saperne di più.

OK