KUKA Roboter beim Schutzgasschweißen

Cella di saldatura ad arco nelle officine di Lebenshilfe

Le officine di Lebenshilfe Limburg gGmbH puntano sulle celle di saldatura di KUKA Industries

La situazione di partenza

Le officine di Lebenshilfe Limburg gGmbH offrono un’ampia gamma di prodotti. Fanno parte del suo organico oltre 500 persone con disabilità mentali, di cui circa 30 impegnate nella lavorazione dei metalli presso la filiale di Diez, Germania. In due divisioni, producono vari componenti per diversi clienti, tra cui un fornitore regionale del settore automobilistico.

Il compito

L’esperto di automazione di Obernburg am Main ha convinto i responsabili con i suoi impianti. Nel frattempo, negli stabilimenti di Lebenshilfe Limburg gGmbH hanno fatto il loro ingresso quattro robot industriali - e il più recente porta il marchio KUKA. Uno dei clienti con cui Lebenshilfe ha un contratto di produzione acquisterà un altro modello KUKA per le officine. Non molte officine Lebenshilfe vantano una dotazione così tecnologicamente avanzata. Infine, è difficile operare un confronto tra la loro attività e quella di altre imprese industriali: qui i principi orientati alla responsabilità sociale e all’occupazione di persone con una disabilità mentale hanno il sopravvento sulle considerazioni di carattere economico. La manipolazione deve essere semplice e flessibile, in quanto le celle robotizzate sono sotto il comando di persone dalle più diverse capacità. Pertanto è importante che l'impianto si adegui al ritmo dell’operatore umano. E non viceversa.
Die Schweißzellen in einer Werkstatt der Lebenshilfe Limburg gGmbH
L'impianto si adegua al ritmo dell’operatore umano.

La soluzione

Per i lavori per conto terzi, KUKA Industries ha studiato un modulo di saldatura compatto basato su un robot industriale a sei assi con cinematica articolata e un innovativo tablet portatile di programmazione. Il programmatore lavora solo tramite un’interfaccia utente, in assenza di elementi di comando elettrici o meccanici. “Il nuovo robot articolato è più compatto e più agile del suo predecessore. Sul polso del robot viene flangiata una sorgente di saldatura con avanzamento del filo esterno.

Nella stazione di lavoro nelle officine Lebenshilfe si utilizza il modulo di saldatura per la saldatura ad arco. La particolarità di questo processo: il metallo liquido in corrispondenza del punto di saldatura è protetto contro l’ossidazione grazie all’introduzione di determinati gas.

Le sfide imposte in queste celle sono:

  • il massimo della flessibilità
  • in spazi d’installazione estremamente ristretti
  • la programmazione più facile possibile
  • in combinazione con app innovative 
Roboter mit Schweißquelle mit externem Drahtvorschub
Saldatura ad arco con la massima flessibilità e la programmazione più semplice, nel minimo spazio d’installazione possibile.

Volevamo stare al passo con la tecnologia. È importante per noi come utenti che le interfacce siano adeguate e il comando confrontabile.

Utilizziamo i cookies per offrivi l’assistenza migliore anche online. Per saperne di più.

Ok