Scegli la tua località:

Paese

Selezionare una lingua:

Stampaggio plastica a iniezione robotizzato

Stampaggio plastica a iniezione robotizzato

La lavorazione della plastica con lo stampaggio a iniezione è la disciplina suprema dei processi di stampaggio a iniezione. L'azienda a conduzione familiare Hauff ha completamente automatizzato la produzione di rulli per il cestello superiore delle lavastoviglie. Ciò è reso possibile da un robot KUKA insieme a un cubo di produzione multifunzionale.


Stampaggio a iniezione con plastica e grande know-how a Pforzheim

Quando Jörg Vetter arriva in auto alla zona industriale di Pforzheim, nel sud della Germania, il suo sguardo si posa sulle finestre dell'edificio. "Non vedo l'ora di vederla all'opera ogni volta". La cella che porta il sorriso sul volto del responsabile tecnico dello stabilimento di stampaggio a iniezione Hermann Hauff GmbH & Co. KG è una macchina per lo stampaggio a iniezione Allrounder Cube 2900 di Arburg. Dal 2019 produce rulli per cestelli di lavastoviglie presso Hauff. Questi elementi in plastica sono costituiti da due parti interconnesse, una ruota liberamente mobile e una presa fissa. I rulli, essenziali per facilitare le operazioni di carico e scarico delle lavastoviglie, sono stampati nella macchina di stampaggio a iniezione. La colata e il montaggio vengono eseguiti con un processo completamente automatizzato che Hauff ha sviluppato insieme a Arburg, il produttore di macchine per lo stampaggio a iniezione.
KR QUANTEC PA dà forma alla plastica con la macchina di stampaggio a iniezione.

Impianto unico con macchine per lo stampaggio a iniezione di grandi dimensioni

"Il nostro impianto e tutti i processi associati sono unici al mondo", afferma Jörg Vetter, "ci fa risparmiare quattro o cinque macchine di stampaggio a iniezione e sgrava i nostri dipendenti da compiti di produzione monotoni." Ogni anno, Hauff produce circa 60 milioni di componenti con il Cube solo per BSH Hausgeräte GmbH; nei prossimi tre anni, la produzione sarà incrementata a 75 milioni di unità. L'azienda a conduzione familiare è stata fondata nel 1966 da Hermann Hauff a Pforzheim e oggi produce parti di plastica a iniezione di precisione di alta qualità e stampi per processi di stampaggio a iniezione sotto la direzione delle figlie Andrea Hauff e Carmen Hauff-Bischoff. I clienti di Hauff provengono dai settori della tecnologia domestica e degli elettrodomestici con i loro “elettrodomestici bianchi", dal settore automobilistico e dalla tecnologia medica.
L'azienda Hauff di Pforzheim produce pezzi in plastica con macchine di stampaggio a iniezione

Campione nascosto con i più alti requisiti nello stampaggio a iniezione della plastica

"Noi iniziamo dove gli altri si fermano nella lavorazione della plastica", dice Jörg Vetter, descrivendo la filosofia dell'azienda. Dopo 20 anni di servizio, lo sa: "I cucchiai da gelato possono essere prodotti facilmente e a basso costo. Ma quando si tratta di componenti high-tech sofisticati e filigranati, con un peso iniettato compreso tra 0,0004 e 400 grammi, bisogna poter contare sulla qualità, e non chiunque può farlo". Anche robomotion GmbH contribuisce al fatto che questa richiesta possa essere soddisfatta ogni giorno qui a Pforzheim.
La plastica viene lavorata con un utensile di alta qualità e adeguato
Lo sviluppatore tecnologico è specializzato nella progettazione e nella costruzione di soluzioni di automazione personalizzate, in particolare per l'industria della plastica. Alla Hauff, gli esperti di robotica sono quindi partner di sviluppo ricercati e apprezzati nella creazione di processi produttivi automatizzati.

Un processo autonomo come "One Piece Flow

"Il nostro compito era quello di rilanciare la produzione e il montaggio dei rulli del cestello superiore per le lavastoviglie, con l'obiettivo di ottenere quantità più elevate e un'alta efficienza, sfruttando al meglio lo spazio di produzione limitato", spiega l'amministratore delegato di robomotion Andreas Wolf. "Si trattava di dire addio all'attività manuale e di impostare la produzione autonoma dalla macchina di stampaggio a iniezione al pallet, come un 'One Piece Flow', cioè come un processo continuo e ininterrotto" Insieme a Jörg Vetter e al suo team, robomotion ha analizzato da vicino l'intero processo per sviluppare un impianto che integra la macchina di stampaggio a iniezione, l’utensile, le celle robotiche associate e le pinze necessarie e i pallettizzatori.
Precisione e velocità nel campo dello stampaggio a iniezione della plastica

Una macchina personalizzata per lo stampaggio a iniezione della plastica

"Lo sviluppo dell'intero impianto ha richiesto più di due anni; il solo software ha richiesto un anno", riferisce Jörg Vetter. "È stato un continuo soppesare e ripensare" Proprio per le esigenze speciali di Hauff, il costruttore di macchine Arburg ha configurato il "Cube", un utensile che combina la produzione di due componenti con il loro montaggio. Il nome della macchina per lo stampaggio a iniezione "Reverse Cube 2900" dice tutto: il cubo d'acciaio può essere ruotato in direzioni opposte attorno al suo asse centrale in modo che, per mezzo di una speciale pinza, i pezzi fusi qui possano essere riuniti in due fasi di lavoro prima di essere trasportati attraverso un nastro trasportatore alla cella di imballaggio e pallettizzazione. "È una cosa unica al mondo, che esiste solo qui da noi", afferma Vetter con orgoglio.
Dalla produzione all’imballaggio: in breve tempo, i robot eseguono il lavoro

Modellazione della plastica con i robot di stampaggio a iniezione

"Per poter operare con la massima efficienza e affidabilità in uno spazio ristretto, abbiamo affidato il processo alle 'mani' dei robot KUKA. Questo ci ha dato molte opzioni di progettazione", spiega Andreas Wolf. Ad esempio, la macchina per lo stampaggio a iniezione lavora insieme a un KR QUANTEC a sei assi, che raggiunge la massima ripetibilità e precisione costante. Contemporaneamente al ciclo di iniezione, estrae i rulli dalla parte inferiore del cubo, li inserisce nelle prese, quindi estrae i pezzi di plastica finiti e li deposita sul nastro trasportatore in direzione dell'imballaggio. In questo modo, vengono prodotti 24 rulli del cestello superiore di alta qualità ogni 9,5 secondi.
Con l’aiuto di KR QUANTEC PA, vengono prodotti rulli per cestelli superiori per lavastoviglie

Lavorazione della plastica con il KR QUANTEC PA

Il nastro trasportatore collega la cella di produzione con la cella di imballaggio e palettizzazione, dove opera un KR QUANTEC PA, uno dei pallettizzatori più veloci del mercato. "Il robot di palettizzazione sottile è estremamente versatile e dinamico, con un profilo d’ingombro molto ridotto",afferma Andreas Wolf. Il robot piega le scatole di spedizione di Hauff, le mette sotto il nastro trasportatore per chiuderle dopo il riempimento e le impila su un europallet. Ogni giorno escono dalla fabbrica tre pallet con 45 scatole ciascuno e 70.200 rulli di plastica.
Dallo stampaggio a iniezione della plastica alla pallettizzazione con i robot
"Il sistema funziona in modo completamente indipendente, senza alcun altro supporto", afferma Andreas Wolf. "Abbiamo previsto un tempo di buffer di otto ore. Dopodiché un dipendente deve togliere i pallet pronti dall’impianto. Ciò significa: la macchina di stampaggio a iniezione è perfettamente in grado di far fronte da sola a un turno completo"

Prevenzione degli errori attraverso la simulazione durante la pianificazione

Per poter eseguire questa complessa fase di produzione in una produzione in corso, è essenziale una pianificazione il più precisa possibile; per questo Andreas Wolf ha integrato nello sviluppo dell’impianto KUKA.Sim , un software di pianificazione intelligente per la programmazione offline dei robot KUKA. "Proprio perché lo spazio nello stabilimento produttivo è così limitato, era importante provare l’impianto e le sue funzionalità prima che diventassero reali. Ad esempio, siamo stati in grado di effettuare un'analisi del tempo di ciclo già nella fase di progettazione e di includerla nel layout e nella progettazione. È stato un 'imparare facendo' nello spazio virtuale", dice Wolf. "Senza KUKA.Sim, la configurazione dell’impianto sarebbe stata sicuramente molto più lunga e costosa, o addirittura sbagliata. È assolutamente fuori discussione, soprattutto per un'azienda di medie dimensioni"
Con KUKA.Sim, il robot KUKA con la nuova macchina di stampaggio a iniezione è stato facilmente integrato nell’impianto

Automazione della lavorazione della plastica con la scintilla dell'entusiasmo

La risultante profonda conoscenza del sistema Cube e delle sue possibilità aiuta Jörg Vetter a far appassionare i dipendenti di Hauff all'automazione. "Bisogna comunque convincere le persone che la nuova tecnologia non è un ostacolo, ma al contrario è al loro servizio e rende il loro lavoro più facile e diversificato", afferma il responsabile tecnico. Si tratta di un fattore importante, soprattutto in tempi di crescente carenza di lavoratori qualificati. "Siamo sempre in fase di ottimizzazione. Penso già al futuro e sto valutando con il nostro management e i nostri partner tecnici come produrre il maggior numero possibile di prodotti su un'unica macchina. Se vediamo nuove opportunità che danno buoni frutti, le coglieremo"

Con velocità estreme, questo robot riduce i tempi di ciclo e aumenta la qualità della produzione senza mai uscire dal ciclo.

Andreas Wolf, amministratore delegato di robomotion GmbH

Trova i KUKA System Partner vicini a te

Qui trovi il partner giusto per il tuo settore o il tuo problema.

Utilizziamo i cookie

Questo sito web utilizza i cookie (per saperne di più) per offrivi l’assistenza migliore anche online. Se si continua a navigare sul nostro sito web, utilizziamo solo i cookie necessari dal punto di vista tecnico. Cliccando su ""OK e scopri KUKA"", si accetta anche l'utilizzo di cookie di marketing. Con un clic su ""Impostazioni cookie"" è possibile selezionare quali cookie utilizziamo.

Impostazioni cookie