Scegli la tua località:

Paese

L’evoluzione (o rivoluzione) del tessile

La tendenza è quella di avvicinare nuovamente la produzione ai mercati di vendita. In questo modo si risparmiano tempo, costi e si fa del bene all'ambiente. Per l'industria tessile europea, il ritorno parziale dai siti di produzione a basso costo in Asia è principalmente una questione di tecnologia. Con la robotica KUKA, gli esperti di automazione di robotextile hanno creato una soluzione di sistema efficiente e sorprendentemente maneggevole che potrebbe portare la produzione tessile in una nuova era.


La svolta epocale del tessile

Un tempo erano i pionieri della rivoluzione industriale, oggi sono al crocevia di una ristrutturazione globale: sono le aziende dell'industria dell'abbigliamento e del tessile. Così come l'introduzione dei telai meccanici nel passaggio al XIX secolo aveva completamente stravolto l'industria e interi ordini sociali, oggi la digitalizzazione degli ambienti di vita e di lavoro segna uno spartiacque epocale. L'industria tessile sta guadagnando ulteriore slancio grazie alla ricerca sempre più pressante della sostenibilità e agli standard sociali garantiti richiesti dai legislatori. Questo sta portando anche a un ripensamento della produzione tessile, che impiega circa 75 milioni di persone in tutto il mondo, soprattutto in Asia, in condizioni di lavoro spesso molto discutibili.

Michael Fraede, fondatore e CEO di robotextile, è fermamente convinto che una svolta sia imminente in questo settore di importanza globale.

Finora l'automazione è passata silenziosamente nella produzione tessile, ma le cose stanno cambiando. Questo perché l’automazione crea il presupposto decisivo affinché la produzione tessile si avvicini nuovamente ai rispettivi mercati di vendita, diventando così più efficiente e, soprattutto, più sostenibile.

Michael Fraede, fondatore e amministratore delegato di robotextile

La robotica KUKA rivoluziona l'industria tessile

Produzione economica, sostenibile e veloce con i piccoli robot di KUKA

La produzione tessile è stata oggetto di ulteriori riflessioni

Michael Fraede si occupa di robotica e automazione da oltre 30 anni ed è sempre alla ricerca di soluzioni per i diversi settori industriali. Nell’ambito di una collaborazione con Michael Müller, altrettanto creativo amministratore delegato della erler GmbH di Dormettingen in Svevia, specializzata in tecnologie di automazione, ha sviluppato una soluzione di sistema specifica per la lavorazione dei tessuti. I due imprenditori hanno fondato robotextile. L'obiettivo: massima flessibilità nei cosiddetti processi secondari, ovvero l'intera gestione oltre al processo di cucitura vero e proprio.

L'industria dell'abbigliamento detta il ritmo

Tuttavia, i requisiti dell'industria tessile sono aumentati molto rapidamente negli ultimi anni. Di fronte a mode sempre più effimere, i modelli e le fantasie, i colori e i tagli cambiano sempre più velocemente. Inoltre, si registra un aumento delle produzioni legate alle occasioni grazie alla digitalizzazione dei processi di configurazione e ordinazione. Tuttavia, osserva Fraede, molte aziende rifuggono dall'automazione e dal relativo lavoro di programmazione e installazione di un robot, presumibilmente costoso e complesso. "Volevamo togliere loro questa preoccupazione, e possiamo farlo adesso."

L'industria della moda è molto dinamica e in rapida evoluzione: le tendenze dettano il ritmo

Una materia (di lavoro) impegnativa

Insieme agli scienziati dell'Istituto di Ricerca per i Tessuti e l'Abbigliamento dell'Università di Scienze Applicate del Niederrhein, Fraede e Müller hanno affrontato in modo specifico un problema per il quale gli specialisti dell'automazione non erano stati in grado di proporre concetti convincenti, soprattutto dal punto di vista economico: la manipolazione di tessuti e di scampoli flessibili, ovvero facilmente deformabili.

C'è una grande necessità di recuperare il ritardo nel tessile per modernizzare il settore in modo sostenibile.

"Si tratta di qualcosa di molto diverso per un robot rispetto alla manipolazione di materiali solidi come il legno o l'acciaio: una sfida che si può vincere", spiega la professoressa Maike Rabe, a capo dell’Istituto di ricerca per il tessile e l'abbigliamento (FTB) presso l'Università di Scienze Applicate del Niederrhein a Mönchengladbach. "Tuttavia, l'industria dell'abbigliamento e del tessile è purtroppo in ritardo nell'automazione e nella digitalizzazione rispetto ad altri settori

robotextile accetta questa sfida e offre una soluzione.

Siamo riusciti a utilizzare i piccoli robot KUKA delle serie AGILUS, SCARA e LBR iisy, estremamente maneggevoli e flessibili, nonché pinze appositamente progettate, per rimuovere gli strati di tessuto dalla pila di tessuti tagliati su misura e convogliarli singolarmente alla fase di produzione successiva, senza prelevare lo strato di tessuto inferiore durante il processo: un'operazione mai realizzata prima sul mercato.

Michael Müller, fondatore di robotextile e amministratore delegato di erler GmbH
I piccoli robot di KUKA convincono per il design compatto, l'elevata portata e la precisione

Nearshoring e robotica per una qualità affidabile e costi competitivi

I produttori robotextile sono convinti che i produttori tessili europei abbiano un vantaggio nella crescente competizione internazionale con i concorrenti dei Paesi Low-Cost se si affidano alla robotica: "Nella produzione tessile convenzionale, circa il 40% dei costi di manodopera viene sostenuto per le attività più semplici di manipolazione dei tessuti. Spesso si tratta di operazioni molto monotone e faticose, come l'applicazione delle tasche dei pantaloni o dei colletti prima della cucitura", osserva Michael Fraede. In questo caso, l'automazione apre nuove prospettive per le aziende che vogliono rendere economica la produzione onshore e nearshore con meno personale. L'utilizzo intelligente della robotica apre la strada a una "qualità affidabile e costante a costi di gestione chiari" e consente un metodo di produzione effettivamente competitivo e in grado di sopravvivere sul mercato a lungo termine.

"Il diavolo si cela nei dettagli"

Con la nuova soluzione di sistema robotextile per la produzione tessile automatizzata, i due imprenditori innovativi sanno di essere sulla strada giusta. Anche perché hanno trovato soluzioni alle sfide del settore, dove "il diavolo si cela nei dettagli", riferisce Michael Müller: “I tessuti possono cambiare forma durante la lavorazione a seconda della loro struttura o della composizione delle fibre, quindi le macchine devono adattarsi costantemente al tessuto che cambia durante la produzione."

Con l'automazione si può: la robotica si occupa della manipolazione di tessuti facilmente deformabili e flessibili.

Tecnologia personalizzata

Nel reparto di sviluppo erler a Dormettingen, robotextile ha sviluppato, insieme a partner tecnologici esperti, tecniche di presa speciali per diversi requisiti di produzione e le ha preparate per il lancio sul mercato. Ad esempio, una pinza di flusso che sfrutta il cosiddetto effetto Coanda. Una corrente d'aria fa svolazzare gli angoli del tessuto verso l'alto, in modo che possano essere aspirati singolarmente e bloccati dalla pinza. Un'altra speciale pinza a rulli viene utilizzata per raccogliere tessuti molto sottili. Per i tessuti speciali e tecnici si utilizza una pinza parallela in gomma opportunamente progettata.

Sensibilità e velocità: anche il Cobot LBR iisy di KUKA sarebbe perfetto per questo compito

Compattezza, precisione e velocità: robot per la lavorazione tessile di KUKA

"I piccoli robot KUKA delle serie AGILUS, SCARA e LBR iisy sono perfetti per questo sistema", spiega Björn Märtens, Global Business Development Manager di KUKA. "I robot si muovono negli spazi più piccoli e, grazie alla loro struttura robusta, raggiungono la massima ripetibilità e precisione continua ad alta velocità. In questo modo, i piccoli robot garantiscono un'elevata qualità di produzione senza mai andare fuori sincrono". Ad esempio, un robot SCARA KUKA in uno spazio di lavoro di 1,60 metri di diametro con un carico utile di cinque chilogrammi, può raggiungere un tempo di ciclo di quattro-sei secondi per strato di tessuto. Utilizzano un'alimentazione interna per aria, elettricità e dati.

I robot KR SCARA di KUKA rendono l'automazione più semplice e sostenibile dal punto di vista economico nei settori in cui i costi sono un fattore importante.

Una pietra miliare nella produzione tessile

"Con l'aiuto di sensori integrati nelle pinze, i nostri piccoli robot sono in grado di prelevare in modo assolutamente 'sensibile' strati di tessuto dalla pila di tessuti tagliati a misura e di inviarli singolarmente alla fase di produzione successiva", spiega Märtens. Molte aziende hanno provato a farlo negli ultimi anni, ma hanno sempre fallito a causa della mancanza di una maturità dei processi e di efficienza economica. "Abbiamo posto una vera e propria pietra miliare", ne è convinto il cofondatore di robotextile Michael Müller.

Concetti di produzione completamente nuovi

E tali pietre miliari sono molto richieste dall'industria tessile. "In un'industria dell'abbigliamento innovativa, sono essenziali grandi cambiamenti dal punto di vista scientifico", osserva la professoressa Maike Rabe. "Oggi è sempre più urgente rendere la produzione tessile più sostenibile e, a tal fine, avvicinarla, ove possibile, ai mercati di destinazione." La "Fabbrica Tessile 7.0" dovrebbe aprire la strada a tutto ciò. Il T7 è un progetto congiunto dell'Università di Scienze Applicate del Niederrhein e dell'ITA (Istituto per la Tecnologia Tessile) dell'Università RWTH di Aquisgrana, dell'Associazione dell’Industria Tessile e dell'Abbigliamento della Germania nord-occidentale e dell’Associazione dell'Industria Tessile e dell'Abbigliamento della Renania, con la Textilakademie NRW e la Wirtschaftsförderung Mönchengladbach GmbH.

Uno sguardo deciso al futuro: automazione per una produzione tessile più sostenibile

C&A: motore dell'innovazione e leader di pensiero nell'industria tessile

L'obiettivo generale del progetto, spiega la prof. Rabe, è quello di rendere possibile una riforma globale dell'industria tessile e dell'abbigliamento europea basata sulla conoscenza, nonché progetti di re-shoring – il trasferimento di siti produttivi nei Paesi industrializzati – per continuare a svolgere un ruolo di primo piano nell'industria tessile in futuro. Tuttavia, ciò richiede sempre partner in grado di trasferire tale sviluppo dal "laboratorio" alla pratica produttiva.

Con l'innovativa soluzione di sistema di robotextile, la produzione può essere riportata in Europa

Il re-shoring è vantaggioso per l'ambiente, previene la sovraccapacità, rafforza l'economia nazionale, crea posti di lavoro interessanti e si svolge in condizioni eticamente corrette, il che sta diventando sempre più importante per i produttori nel contesto della nuova legge sulla catena di approvvigionamento. Per raggiungere questo obiettivo, combiniamo una produzione altamente sostenibile con processi ad alta produttività.

Jürgen Mohs, procuratore e Project Manager della C&A’s FIT GmbH

A Mönchengladbach, l'azienda di abbigliamento tedesco-olandese C&A con la sua "Factory for Innovation in Textiles" (FIT) ha aderito al progetto di sviluppo T7. A tal fine, C&A sta riportando in Europa parte della sua produzione di jeans dall'Asia nell'ambito di un progetto pilota e, con l'aiuto di robotextile, dell'Università di Scienze Applicate del Niederrhein e dei suoi partner di progetto, sta allestendo una linea di produzione ampiamente automatizzata.

Recuperare il know-how produttivo perduto

Nella "Factory for Innovation in Textiles" (FIT), il gruppo di moda si concentra su tecnologie innovative, produzione a zero emissioni di CO2 e moda più sostenibile. Per Jürgen Mohs, procuratore e Project Manager di "C&A's FIT GmbH", l'obiettivo è quello di "garantire la stabilità delle catene di fornitura anche per il futuro, riportando parte della produzione in Europa e recuperando allo stesso tempo il know-how produttivo perduto". “Qui abbiamo già potuto acquisire un'esperienza molto preziosa con l'Università di Scienze Applicate di Mönchengladbach e con robotextile. Su questa base, C&A prevede di produrre inizialmente 400.000 paia di jeans all'anno e successivamente fino a 800.000. I primi pantaloni saranno disponibili già nel 2022. "C&A’s FIT non sarà solo un laboratorio per i prototipi. Si tratta di una produzione in grandi quantità", riferisce Mohs. FIT è guidata dalla convinzione che la moda sostenibile non debba essere un prodotto di nicchia, oggi e in futuro.
Uno sviluppo avanzato con la piccola robotica di KUKA: KR AGILUS, KR SCARA e LBR iisy

“L'alba di una nuova era"

Per Michael Fraede, questo è "esattamente il segnale giusto per una partenza verso una nuova era". "Con l'iniziativa C&A’s FIT, l'ampio supporto della scienza e della ricerca e le nostre soluzioni di automazione scalabili, la qualità, le condizioni di lavoro eque e i processi trasparenti si stanno spostando per la prima volta su larga scala al centro della produzione tessile sostenibile, indipendentemente dal luogo. Si tratta di un punto esclamativo per l'industria tessile e per i suoi clienti sempre più attenti alla qualità e all'ambiente". Sarà una rivoluzione tecnologica o "solo" un'evoluzione? Lo vedremo. Ma lo sviluppo è certamente un passo avanti.

Trova i KUKA System Partner vicini a te

Qui trovi il partner giusto per il tuo settore o il tuo problema.

Questo sito web utilizza i cookie (per saperne di più) per offrivi l’assistenza migliore anche online. Se si continua a navigare sul nostro sito web, utilizziamo solo i cookie necessari dal punto di vista tecnico. Cliccando su ""OK e scopri KUKA"", si accetta anche l'utilizzo di cookie di marketing. Con un clic su ""Impostazioni cookie"" è possibile selezionare quali cookie utilizziamo.

Impostazioni cookie