Collaborazione uomo-robot: Benvenuto, collega robot!

Già oggi uomo e robot lavorano fianco a fianco nella produzione. I robot supportano e sgravano i collaboratori, consentendo numerose automazioni e aumentando la produttività. La collaborazione uomo-robot (HRC) è un elemento aggiuntivo che combina le capacità degli esseri umani con l'efficienza e la precisione di una macchina.

Cobots: Status quo della produzione flessibile

Produzione flessibile in quantità variabili con la massima efficienza – questa è la sfida per la produzione del futuro. Per vincerla, è necessaria una perfetta interazione di uomo e macchina.

Nella moderna fabbrica di oggi, molte fasi di produzione sono già automatizzate dalle macchine. L'uomo assicura il buon funzionamento e la qualità dei processi produttivi attraverso la conoscenza, l'intelligenza, la flessibilità, la creatività e la sensibilità.

Oltre ai robot industriali convenzionali, i robot collaborativi e sensibili ("Cobots") possono lavorare in modo ancora più diretto e preciso con gli addetti alla produzione ed alleggerirli dai carichi di lavoro. Possono svolgere un lavoro faticoso, poco ergonomico e monotono, come ad es. le operazioni da svolgere sopra la testa o l'esecuzione di compiti ripetitivi. Il loro fabbisogno di spazio è relativamente basso, poiché i dispositivi di sicurezza possono essere progettati in modo da ridurre al minimo l'ingombro, se necessario.

Con la loro tecnologia di sensori integrati, i Cobots rendono possibile l'automazione di delicate operazioni di assemblaggio - dall'assemblaggio di trasmissioni automobilistiche all'inserimento di tappi di gomma o di pezzi flessibili.

In caso di contatto imprevisto, viene determinata una soluzione adeguata per ciascuna applicazione: o viene attivato un arresto o il Cobot riduce la sua velocità a un livello tale da prevenire lesioni.

Dove gli esseri umani e i robot lavorano insieme in modo sicuro, molte precauzioni di sicurezza convenzionali diventano superflue. Gli esseri umani e i robot possono condividere lo stesso spazio di lavoro senza alcun problema.

Caratteristiche di HRC: coesistenza, cooperazione, collaborazione tra uomo e robot

A seconda del campo di applicazione, l'uomo e il Cobot possono lavorare a distanze più o meno ravvicinate. Anche se il termine "collaborazione uomo-robot" è il più comune, la "C" in HRC può significare diverse forme di cooperazione.

Coesistenza: uomo e robot lavorano fianco a fianco senza recinzione di protezione. Tuttavia, non condividono uno spazio di lavoro comune e lavorano in modo indipendente con compiti diversi.

Cooperazione: Nella cooperazione tra uomo e robot, essere umano e robot lavorano nello stesso spazio di lavoro, svolgendo diverse attività nell’ambito di un processo, in momenti diversi. Non si verifica un’interazione diretta.

Collaborazione: uomo e robot interagiscono in uno spazio di lavoro comune. Ad esempio, il robot passa un oggetto all'uomo oppure eseguono contemporaneamente attività diverse sullo stesso pezzo.

La nuova generazione della robotica

Con LBR iiwa, KUKA ha scritto un nuovo capitolo nella storia della robotica industriale. Primo robot sensibile prodotto in serie e adatto per la collaborazione uomo-robot: con LBR iiwa la robotica si fa largo in settori finora preclusi all'automazione.

Il robot leggero, sensibile e collaborativo, può svolgere compiti molto delicati in stretta collaborazione con l’uomo. I campi di applicazione vanno dai processi di assemblaggio o di incollaggio nella produzione industriale alle applicazioni nel settore medico o dei servizi.

Perché il Cobot non solo è estremamente preciso e flessibile, ma può anche essere utilizzato in modo sicuro in una varietà di ambienti di lavoro.

La collaborazione uomo-robot consente un lavoro su misura sicuro ed efficiente.

Uomo e robot – gomito a gomito per BMW

Dove una volta gli operai dello stabilimento BMW di Dingolfing dovevano sollevare e unire da soli pesanti ingranaggi conici per le trasmissioni dell'asse anteriore, ora lavorano insieme al loro collega, LBR iiwa.

Con la soluzione HRC sviluppata da KUKA su misura per il cliente, la casa automobilistica è in grado di automatizzare le fasi di produzione impegnative che prima venivano eseguite manualmente, e di sgravare a lungo termine i dipendenti. I suoi sensori rilevano tempestivamente i contatti e LBR iiwa reagisce immediatamente. Ciò consente una stretta collaborazione tra uomo e robot senza la necessità di una recinzione di sicurezza.

Team: ottimo posizionamento. Proiettori: ottima regolazione.

"Un'idea oltre" è lo slogan della casa automobilistica Ford. Grazie alla competenza HRC di KUKA, l'azienda ha già attuato diverse idee per l'automazione delle sue linee di produzione. Ad esempio, sui banchi di prova del sistema di proiettori della Ford Focus, due KUKA LBR iiwa si occupano della regolazione di precisione – sfavorevole dal punto di vista ergonomico – dei fendinebbia, mentre l'operatore regola i proiettori convenzionali. Uomo e robot lavorano sullo stesso veicolo senza dispositivi per la sicurezza del robot. Oltre a ridurre il carico di lavoro per l'operatore, raggiungono anche una qualità di regolazione più elevata e consentono di risparmiare tempo prezioso.


Uomo e Cobot si suddividono i passaggi di produzione in un ambiente di lavoro caratterizzato da un ritmo serrato, alleggerendo così notevolmente il carico sul personale.

Michael Koch, ingegnere di produzione presso Ford

Vantaggi della collaborazione uomo-robot

  • Maggiore grado di automazione

    I robot collaborativi completano le capacità umane e consentono l'automazione di fasi di produzione precedentemente eseguite manualmente.

  • Sgravio dei collaboratori

    Le fasi di lavoro fisicamente pesanti, pericolose e monotone possono essere eseguite da robot collaborativi e sensibili. In questo modo, si sgravano i collaboratori.

  • Qualità elevata costante

    I processi ripetitivi e ad alta concentrazione sono eseguiti da robot leggeri, collaborativi e sensibili, con la massima precisione, migliorando così la qualità della produzione.

  • Massima flessibilità

    Le attività dei robot collaborativi possono essere adattate in maniera flessibile. Inoltre, i robot collaborativi sono flessibili anche nel posizionamento e occupano poco spazio.

Il livello successivo: HRC incontra la robotica mobile

KUKA KMR iiwa lo dimostra: anche i robot mobili sono compatibili con l’HRC e possono muoversi liberamente e in sicurezza nell’ambiente di lavoro.

KMR iiwa è una combinazione tra LBR iiwa e una piattaforma mobile che grazie allo scanner laser può navigare in autonomia e muoversi in modo flessibile nel suo ambiente.

Anche la combinazione di Cobots mobili e fissi è possibile: ad esempio, nell'area di pre-montaggio di una linea di produzione, un KMR iiwa può consegnare i componenti, mentre un LBR iiwa fisso supporta il personale di produzione durante il montaggio.

HRC: la simbiosi tra la robotica all'avanguardia e il classico lavoro di squadra

La collaborazione tra uomo e robot sta rivoluzionando la produzione industriale e ricopre un ruolo importante anche in altri settori, come l’ingegneria biomedica.

Con i suoi robot sensibili e collaborativi e le sue soluzioni software intelligenti, KUKA è uno dei principali motori di questo sviluppo.

Robotica medica estremamente delicata

Grazie alle tecnologie HRC, il sensibile LBR Med può essere integrato in una varietà di applicazioni mediche.

Impostazioni cookie OK e scopri KUKA

Questo sito web utilizza i cookie (per saperne di più) per offrivi l’assistenza migliore anche online. Se si continua a navigare sul nostro sito web, utilizziamo solo i cookie necessari dal punto di vista tecnico. Cliccando su ""OK e scopri KUKA"", si accetta anche l'utilizzo di cookie di marketing. Con un clic su ""Impostazioni cookie"" è possibile selezionare quali cookie utilizziamo.

Impostazioni cookie